LA TUTELA DEL LAVORATORE NEL MERCATO DEL LAVORO

LA TUTELA DEL LAVORATORE NEL MERCATO DEL LAVORO La disciplina del mercato del lavoro ha lo scopo di introdurre una regolamentazione del rapporto tra domanda ed offerta di lavoro al fine di tutelare l’interesse collettivo dei lavoratori all’occupazione: questo interesse è peraltro costituzionalmente garantito, ciò perché il lavoro è attività utile al progresso materiale e spirituale della società. Storicamente, al … Continua a leggere

LO SCIOPERO NEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI

LO SCIOPERO NEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI L’argomento che affronteremo nel presente paragrafo pone in luce come sia sorta per il legislatore l’esigenza, posta la limitata autoregolamentazione del diritto di sciopero, di disciplinare quest’ultimo nei servizi pubblici essenziali a salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente garantiti. La legge, infatti, non esclude lo sciopero anche quando sia esercitato in servizi destinati a … Continua a leggere

LA SERRATA

LA SERRATA Il presente paragrafo si occuperà di ricostruire l’evoluzione storico-giuridica della serrata nell’ordinamento italiano che al pari dello sciopero la vede inizialmente repressa come reato ed, infine, a differenza dello sciopero non elevata a diritto ma tollerata quale mera libertà del datore di lavoro, nel senso che quest’ultimo ove dia luogo alla serrata pone in essere un comportamento penalmente … Continua a leggere

LO SCIOPERO

LO SCIOPERO L’analisi del presente istituto merita un’attenzione particolare, atteso il grande rilievo che quest’ultimo ha nelle relazioni sindacali e nel conflitto industriale. Analizzeremo, quindi, l’istituto nella sua evoluzione storica e nella sua evoluzione giuridica, evidenziando il ruolo avuto dai principali artefici della sua regolamentazione. Affronteremo quindi la nozione del diritto di sciopero e la sua disciplina nell’attuale ordinamento giuridico. … Continua a leggere

IL CONTRATTO COLLETTIVO NEL LAVORO PRIVATO E NEL PUBBLICO IMPIEGO

La presente trattazione, piuttosto articolata, vista la mole e la centralità degli argomenti trattati, prende avvio dall’analisi delle principali problematiche relative al contratto collettivo quale contratto di diritto comune; affrontando in particolare la questione dell’ambito soggettivo e quella del tipo di efficacia, cercheremo di porre in rilievo come il contratto collettivo italiano, sia riuscito nonostante l’inattuazione della seconda parte dell’art. … Continua a leggere

LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

Per contrattazione collettiva si è soliti intendere il processo di regolamentazione congiunta ( sindacati dei lavoratori e dei datori di lavoro) dei rapporti di lavoro. La struttura ed i contenuti della contrattazione collettiva sono strettamente correlati e dipendono il larga misura da alcuni aspetti del tema delle relazioni industriali quali ad esempio la struttura del sistema produttivo, la struttura del … Continua a leggere

RAPPRESENTATIVITA’ E RAPPRESENTANZA NEI LUOGHI DI LAVORO

IL CONCETTO DI RAPPRESENTATIVITA’ E DI RAPPRESENTANZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prima di occuparci degli importanti concetti che danno il titolo al capitolo in oggetto, è necessario qualificare brevemente la fattispecie “ sindacato” nell’ordinamento italiano, partendo dal dato dell’inattuazione dell’art. 39 della Costituzione, seconda parte, che prevede un sindacato registrato, con personalità giuridica, in grado di stipulare contratti collettivi con … Continua a leggere

CONDOTTA ANTI – SINDACALE

LA REPRESSIONE DELLA CONDOTTA ANTI – SINDACALE Con il particolare procedimento di repressione della condotta anti-sindacale introdotto dall’art. 28 St. lav., il legislatore ha inteso garantire nel modo più ampio e più completo, l’effettività dei diritti di libertà sindacale e di sciopero previsti dall’ordinamento in capo ai soggetti collettivi in azienda. Per raggiungere lo scopo desiderato, la condotta anti-sindacale viene … Continua a leggere

I DIRITTI SINDACALI

I DIRITTI SINDACALI Il presente capitolo, affronta il tema dei diritti sindacali nei luoghi di lavoro, analizzandone sia la tipologia più tradizionale di origine statutaria, sia quella più recente dei diritti di informazione e controllo nei settori privato e pubblico. La libertà sindacale prevista dal 1° comma dell’art. 39 della Costituzione, rimarrebbe senz’altro un dettame privo di significato ove non … Continua a leggere

LA LIBERTA’ SINDACALE

Il principio di libertà sindacale è, come già detto, sancito dall’art. 39 della Costituzione al primo comma, il quale nello stabilire che l’organizzazione sindacale è libera, pone un principio cardine del nostro ordinamento giuridico. Non vanno, però, certamente dimenticate le fonti internazionali che riguardano il fenomeno sindacale e di cui si occupano attentamente. Ne sono un esempio le convenzioni dell’Organizzazione … Continua a leggere