L’ADOZIONE

532 L’adozione. Premesse La disciplina dell’adozione dei minori, si trova oggi, in una legge speciale fuori dal c.c., mentre nel c.c. è conservata , sebbene priva di applicazione pratica, l’adozione tradizionale riservata però soltanto a persone maggiori di età. 533 L’adozione dei minori L’adozione ha ora come fine primario procurare una famiglia ai minori che ne siano privi o che … Continua a leggere

IL REGIME PATRIMONIALE DELLA FAMIGLIA

518 Obbligo di contribuzione per il soddisfacimento dei bisogni della famiglia Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia (art.143 c.c.). inoltre ciascun coniuge deve adempiere all’obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole in proporzione delle rispettive sostanze e secondo la … Continua a leggere

I RAPPORTI DI FAMIGLIA

TRASFORMAZIONI SOCIALI E RIFORMA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA 501 La famiglia e la riforma Il c.c. non definisce la famiglia e l’art.29 della Costituzione proclama che la Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale. Con il processo di industrializzazione e la conseguente concentrazione dei luoghi di lavoro all’esterno delle famiglie, si è avviato il processo di disgregazione della … Continua a leggere

OBBLIGAZIONI NASCENTI DA FATTO ILLECITO

LA RESPONSABILITA’ PER ATTO ILLECITO 422  L’illecito civile Qualsiasi pregiudizio che altri può provocarmi, con una sua azione o anche con una sua omissione, costituisce un danno. Un evento pregiudizievole può influire sulla mia situazione economica (danno patrimoniale) e/o sulla mia situazione fisica o psichica (danno morale). Ogni danno dà diritto a pretendere un risarcimento, ma non si è sempre … Continua a leggere

OBBLIGAZIONI NASCENTI DALLA LEGGE

419 La gestione di affari Figure di obbligazioni nascenti dalla legge sono la gestione di affari; la ripetizione d’indebito; l’arricchimento senza causa. Si ha gestione di affari altrui nell’ipotesi in cui taluno, senza esservi obbligato, si intromette negli affari di un altro, che non sia in grado di provvedervi. La legge ne fa derivare un obbligo a carico del gestore … Continua a leggere

GLI ASSEGNI

416 Caratteristiche generali L’assegno è uno strumento di pagamento e mira a procurare al portatore l’immediata disponibilità di una somma di danaro. Gli assegni sono pagabili a vista e non se ne può quindi dilazionare l’adempimento; essi prevedono l’intervento di una banca. Le due più importanti figure di assegno sono l’assegno bancario e l’assegno circolare. 417 L’assegno bancario L’assegno bancario … Continua a leggere

LA CAMBIALE

405 Definizione La cambiale è un titolo di credito all’ordine. Si distinguono due figure di cambiali: la tratta e il vaglia cambiario (o pagherò cambiario). La prima contiene l’ordine che una persona (traente) dà ad un’altra (trattario) di pagare ad un terzo (prenditore) una somma di danaro. Il vaglia cambiario contiene la promessa fatta da una persona (emittente) di pagare … Continua a leggere

LE OBBLIGAZIONI NASCENTI DA ATTI UNILATERALI

LE PROMESSE UNILATERALI A) TIPICITA’ DELLE PROMESSE UNILATERALI 395 Nozioni generali La promessa unilaterale, rivolta da un soggetto ad un altro per assicurare a quest’ultimo un certo comportamento futuro del promittente, è sufficiente per far sorgere un vincolo giuridico a carico del promittente, se la promessa è inserita in un contratto, a condizione che questo abbia una valida causa. Infatti … Continua a leggere

I CONTRATTI TIPICI

PREMESSA 333        Raggruppamento dei contratti tipici Il titolo 3° del libro 4° del c.c. contiene la disciplina dei contratti tipici ossia di quei contratti che sono stati specificatamente regolati dal legislatore. Non tutti i contratti sono però compresi in questo titolo. L’ordine con cui questi contratti sono esaminati è: 1)   il principale contratto di scambio: la compravendita; 2)   gli … Continua a leggere

I CONTRATTI

IL CONTRATTO 303  Definizione Per l’art.1321 c.c. il contratto è l’accordo di due o più parti per costituire, regolare o estinguere tra loro un rapporto giuridico patrimoniale.Le patri possono liberamente determinare il contenuto del contratto (autonomia contrattuale), nei limiti imposti dalla legge (art.1322.1 c.c.). 304  Elementi essenziali del contratto Per l’art.1325 c.c. gli elementi essenziali del contratto sono: l’accordo delle … Continua a leggere